Ultimi articoli inseriti Levi
Ultimi articoli inseriti Liti e capricci
Ultimi articoli inseriti Vedova di naim
Ultimi articoli inseriti La fede del centurione
Ultimi articoli inseriti Uva dai rovi

Asino

clip_image006Scherzo sempre sulla mia riluttanza a stare per troppo tempo in città. L’ho ribattezzato “orizzontal limit”; così come esiste un “vertical limit”, un limite verticale, 8000 metri, oltre il quale il corpo inizia a morire (di edema polmonare o cerebrale) anche se si è in piena salute e perciò occorre rientrare in fretta (lo sanno bene gli alpinisti!) io ho un altro limite: se resto per più di 48 ore in una città inizio a decompormi.
Sarà il rumore o lo smog o la folla, ma è un dato di fatto.
Perciò, pur amando Milano e la Milano di questi giorni freschi e tersi, ho sempre l’occhio all’orologio.
Scendo in occasione di qualche conferenza e ne approfitto per vedere gente, per sbrigare delle commissioni e visitare il mio editore. Ma oggi mi sono avanzate due ore e, dopo aver salutato diligentemente il grande san Carlo (in Duomo, intendo) e sant’Ambrogio (da lontano con la manina), sono entrato per visitare la mostra a Palazzo Reale sull’Editto di Milano.
Proprio qui a Milano, una delle quattro capitali dell’Impero, nel 313 l’Imperatore Costantino firmò un editto che, di fatto, metteva fine alla persecuzione contro il cristianesimo e apriva un’epoca di tolleranza verso tutte le espressioni di fede.
Mostra importante con un eccellente impianto didattico e qualche pezzo artistico notevole.
Ma più delle opere d’arte e dei ritratti di Massenzio o Costantino o la sezione sulla regina Elena, madre santa dell’Imperatore, più dello sviluppo del simbolo della croce cucito sul labaro prima della battaglia di ponte Milvio, più dei preziosissimi calici e simboli religiosi, sono rimasto travolto da un piccolo frammento di intonaco che avevo visto molte volte sui libri e che, per la prima volta, ho visto dal vero.
Proviene dal Paedagogium del Palatino è della prima metà del III secolo.
Ai piedi di un crocifisso dalla testa d’asino che è visto di spalle e indossa una tunica corta, una specie di maglietta, Alexamenos adora il suo Dio. “Alexamenos sebete theon”.
La croce era per gli schiavi, il giovane cristiano Alexamenos doveva essere un paggio del palazzo e con questo graffito uno dei suoi compagni di studio ha voluto prendersi gioco di lui e del suo dio morto in quel modo umiliante, ridicolo.
Ho provato un brivido nel vederlo.
Vero: siamo degli idioti a seguire un crocifisso.
Quell’immagine è la sintesi della splendida follia della nostra fede.

Category: Pensieri

Tags:

7 comments

  1. La follia della Croce chi mai potrà capirla?
    Eppure per Amore di quel Folle sarei disposta alla follia.
    Se non si è addentro alla Fede, non si riesce a concepire il Sacrificio estremo offerto per la salvezza delle anime, offerto per Amore e solo per Amore.

  2. Eppure, l’asino è un animale molto umile sensibile e dolce. Gesù ha scelto un asino per entrare a Gerusalemme; c’era un asino nella Grotta di Betlemme e quello stesso asino lo guardò con una dolcezza infinita in quel presepe vivente, e puntò i piedi quando si accinsero a portarlo via, perché non voleva andar via di lì.

  3. Forse é vero che siamo idioti,ma grati a Dio per credere a questa follia che ci salva e ci da motivo di esistere. Grazie Gesù per il faticoso cammino di fede nel quale mi accompagni paziente ogni giorno.

  4. La follia fa molta paura alla gente… anche Gesù era considerato un folle… le nostre paure l’hanno crocefisso…ma lui le ha vinte!
    Mi ha fatto riflettere quell’immagine dell’asino sulla croce…. qualche giorno fa, un ragazzo appassionato di musica rock, chiedendo un parere sui “the sun” , mi ha detto…”ah si quelli a cui è scoppiato il cervello” (scusate l’espressione un po’ forte… ) , al momento mi è venuto un brivido e un senso di rabbia….. poi in questi giorni, riascoltandoli… ho provato un grande senso di libertà… se questi coraggiosi ragazzi sono folli agli occhi del mondo…e se io che li ascolto e condivido le loro idee sono considerata folle allo stesso modo… benissimo…. non ho più paura della follia… perchè mi fa stare bene, mi fa sentire libera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE