Ultimi articoli inseriti Davanti ai tribunali
Ultimi articoli inseriti Nulla di segreto
Ultimi articoli inseriti Barricate
Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Pattume

Il cortile dei gentili

Non ha fatto molto scalpore. Perlomeno ne ha fatto molto meno di quanto i giornali abbiano dedicato alla presunta gestione discutibile dei beni di Propaganda Fide da parte del Cardinale Sepe. Eppure il nostro vecchio papa teologo, che in questo ultimo anno ha dovuto affrontare una serie di problemi capaci di stroncare un santo (Il caso Williamson, i Legionari di Cristo, i preti predofili e ora ci mancava Sepe!) tira diritto per la sua strada, senza far clamore, impegnato ad assolvere al preciso mandato di Cristo di custodire la fede autentica e di annunciare il volto di Dio. E’ un’idea che accarezzava da tempo e, aiutato da Mons. Ravasi, ora è diventata realtà e proprio s partire dalla nazione che è stata culla del laicismo moderno, la Francia: è “Il cortile dei gentili”, un luogo dove poter incontrare chi si professa ateo, un luogo di scambio e dialogo perchè, come afferma Papa Benedetto, si giunga a cercarlo almeno come Sconosciuto. Un’idea grandiosa, di ripresa di dialogo, di grande onestà intellettuale che già suscita parecchio interesse da parte degli intellettuali atei. Perché l’evangelizzazione è e deve restare la prima preoccupazione della Chiesa, ad ogni costo. E mentre si discute dei beni materiali della Chiesa e della loro gestione, e qualche cristiano passa il tempo ad accusare il mondo di avercela con la Chiesa, Pietro ricorda a tutti che dobbiamo temere il peccato nella Chiesa, non le accuse del mondo, e agisce, cacciando i mercanti dal Tempio e facendo parlare del Padre. Nasce, in forma ufficiale, un luogo di incontro fra cristiani e atei ricordando, come ben spiega Mons. Ravasi, che:

“Bisogna tener conto dei diversi ateismi, non riducibili a un unico modello. Da un lato c’è il grande ateismo di Nietzsche e Marx che purtroppo è andato in crisi, costituito da una spiegazione della realtà alternativa a quella credente, ma con un sua etica, una visione seria e coraggiosa, ad esempio, nel considerare l’uomo solo nell’universo. Poi c’è un ateismo ironico-sarcastico che prende a bersaglio aspetti marginali del credere o letture fondamentaliste della Bibbia. È l’ateismo di Onfray, Dawkins e Hitchens. In terzo luogo vi è un’indifferenza assoluta figlia della secolarizzazione, ben sintetizzata dall’esempio che Charles Taylor fa in ‘L’età secolare’ quando afferma che se Dio venisse oggi in una nostra città, l’unica cosa che succederebbe è che gli chiederebbero i documenti”.

E’ il tempo della conversione, del ritorno all’Essenziale, del dialogo intellettuale onesto per rendere ragione della propria speranza, della trasparenza assoluta dei modi e delle strutture. Questo ci ricorda Pietro, questo possiamo fare a partire dal lembo di Chiesa che rendiamo presente là dove viviamo.

Category: Pensieri

Tags:

27 comments

  1. Ho letto della cosa.
    Mi piace molto il taglio ed il commento che hai dato all’intuizione di B.XVI.

    San Paolo, all’altare del Dio Ignoto in Atene … riuscì, Lui, … a strappare un “Ti ascolteremo ancora” (ricordo bene?) …

    … il nodo dell’evangelizzazione è ancora li … gli esempi da seguire pure.

    PS
    Il parallelo “classico”, come sempre , è più nelle mie corde 🙂

  2. Mi ricorda la “Cattedra dei non credenti” istituita un po’ di anni fa a Milano da Martini.
    Erano anni un po’ inquieti per la nostra città…e anche allora fu illuminante questa intuizione: provare a parlarsi, senza urlare, senza imporre niente, senza voler avere per forza ragione…pur sapendo che probabilmente nessuno convincerà l’altro ma che si può ascoltarsi con rispetto lo stesso…e continuare ad interrogarsi…cercando una strada che ci possa condurre, magari insieme, verso una civiltà dove il pensiero torni ad essere una componente importante.
    Martini diceva che il mondo non si divide in credenti e non-credenti ma in quelli che pensano e quelli che non pensano. Ed è questo aumento vertiginoso dei non-pensanti (la terza categoria di atei secondo Ravasi) che è preoccupante e va fermato.

    Pensare, dialogare, confrontarsi – senza prefiggersi per forza l’evangelizzazione degli altri perché questo agli atei dà parecchio fastidio – come continua a fare Martini che ogni tanto riceve la visita di Scalfari e si fanno una bella chiacchierata tra vecchi saggi: l’ateo convinto e il testimone stupendo. Questi dialoghi vengono poi pubblicati (sul quotidiano di Scalfari) e sono interessantissimi…da qualunque parte si stia…a patto di appartenere ai pensanti!

  3. …Pietro ricorda a tutti che dobbiamo temere il peccato nella Chiesa, non le accuse del mondo, e agisce, cacciando i mercanti dal Tempio e facendo parlare del Padre.

    Quoto in toto… ma vedo sempre più mercanti nella chiesa che invece di essere cacciati rimangono sempre al loro posto!

  4. Una volta ricordasti le parole di Fogazzaro, ne ‘Il Santo’: non posso disprezzare mia madre solo perché non mi piace il vestito che indossa. Oggi sono più che mai attuali, soprattutto perché (purtroppo) sappiamo come le accuse rivolte a Sepe siano vere e già da tempo conosciute (non erano semplicemente sulla carta stampata). Andiamo avanti, amando la Chiesa e sapendo che il suo cmpito, grazie a colui che l’ha voluta, va molto oltre la gestione del patrimonio immobiliare del Vaticano. E ringraziando per tutti i milioni di preti che un patrimonio immobiliare non se lo sono mai fatto, casomai l’hanno sperperato per chi aveva bisogno.

  5. E’ singolare come in questo periodo di catastrofe della nomenclatura del clero si citino le parole di don Giussani:”…si prospetta la realizzazione di una chiesa senza Cristo…”(1958)parole quanto mai profetiche per una chiesa troppo intellettuale e troppo indaffarata ad accaparrarsi beni materiali che “… la tignola corrode e i ladri rubano…”.Sono in parte d’accordo con Costanza ma sono fermamente convinto che chi pronuncia voti solenni non di fronte a degli uomini ma di fronte a Colui che ci ha creato, abbia l’obbligo di improntare la propria vita lontano da denaro, televisione, giornali, interviste,ecc. la scelta è sempre impegnativa e deve cambiare la vita di chi la compie altrimenti è un inganno, dopo, dire “ho sbaglieto” beh… è troppo facile, non mi va più: la donna/uomo che ho sposato, ho sbaglieto ma tanto c’è il divorzio, questo è il mondo che da trent’anni a questa parte si va delineando. Se permettete mi rivolgo a tutti coloro che visitano questo sito, vi esolterei ad essere un po’ meno edulcorati perchè il rischio che si debba ritornare nelle catacombe è reale.

  6. Accantonando un attimo tutto il post di Paolo prendo, ammiro ed esulto sulla risposta che Paolo ha dato.

    E allora preghiamo tanto tanto che si convertano!

    Insomma, è una tentazione comune e di sempre quella di … scaranvetare olio bollente della condanna, dello scandalo, della rabbia sui responsabili di cose non proprio belle e buone.
    Una cosa che esisteva anche ai tempi di Gesù e che proprio oggi ci viene letto nel Vangelo odierno.
    Una cosa detta, per di più, dall’apostolo prediletto, dal più mite e spirituale tra i 12 … da Giovanni che – con Giacomo – dice a Gesù:
    «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?»

    Strano è? Strano come non avvertiamo questo tipo di Giovanni che ci risulta un po’ sconosciuto, ma molto umano … così umano che noi stessi entriamo in questa logica del diamogli una bella lezione che se lo meritano.

    La risposta di Gesù e decisa, ferma (parafrasandola pare la stessa risposta data a Pietro nel stai dietro di me ed ha lo stesso sapore della risposta di Paolo (Curtaz :-D) che ho citato.

    Recriminare è inevitabile ed anche ovvio (sono una professoressa in questo 🙁 ), condannare ci viene di un facile mai visto, ma né con l’uno e l’altro atteggiamento si può crescere e dare aria a questa stupenda nuova stagione della Chiesa che chiede l’essenziale. Non aiutano, anzi, frenano e soprattutto, ci toglie dal campo d’azione … e l’azione più sensibile ed efficace è proprio la preghiera di cuore, che – forse – è anche quel scomodo amare i nemici.

    Paolo (santo e non Curtaz :-D) lo dice chiaramnente e senza mezzi termini proprio oggi nella seconda lettura … Un caso? Può darsi, ma calza così bene con l’attualità e la realtà di oggi che un pochino di impressione la fa.

    Scusate la lungaggine, pensavi di far fuori l’argomento con 2 parole e invece … è successo come per le ciliege- 🙂

  7. @ lidia
    esulto anche io con te! Grazie Lidia.
    Il Signore che è bontà e misericordia ci dice di amarci gli uni gli altri, non di giudicarci! E la preghiera è il frutto dell’amore più vero e profondo, ed è quello che ci unisce a Gesù rendendoci Chiesa.

  8. @Elio; forse hai ragione, il mio commento è un po’ ‘edulcorato’, mi riesce sempre difficile mantenermi sul crinale della critica costruttiva. Guardandomi intorno più volte ho sentito montare la rabbia, talora una rabbia folle, insensata, che sfocia inevitabilmente nella violenza. Credo che per agire adesso e non appiattirsi sul ‘tanto così fan tutti’ anche all’interno della Chiesa sia necessaria una profonda spiritualità, e che tornare nelle catacombe, forse, non ci farebbe male.

  9. Mi fa piacere notare come altri si sentano feriti dal comportamento illegettimo che alcuni consacrati al sacerdozio tengono, autentiche pietre di scandalo. Poco importa se sono pochi, molti,alcuni,la coerenza è e deve essere linea di condotta irrinunciabile, certi principi sono non negoziabili, l’errore è sempre comprensibile e assolutamente perdonabile ma il perdurare in un certo atteggiamento già di per se discutibile per ogni essere umano, per un consacrato e un autentico abominio. Si rileggano pure le vite dei santi ma non come fosse al passato altrimenti è solo sentimentalismo improduttivo.

  10. @Elio,
    ed il comportamento illegittimo di molti cristiani dove lo mettiamo? Lo mettiamo sotto i consacrati con un magnanimo ” eeeeh vabbé, mica sono dei preti”?
    Oppure consideriamo i cristiani NON dei consacrati giusto perchè non sono stati Ordinati e – quindi – li trattiamo con un occhio di riguardo?
    Esiste forse solo un Sacramento (l’Ordine per la precisione) per il quale si richiede la fedeltà?
    Perchè usiamo due pesi e due misure per i sacerdoti ministeriali e per i sacerdoti comuni quali sono tutti i cristiani battezzati?
    Tra i 12 ce n’è stato uno che ha tradito, ma ce n’è stato un altro che ha rinnegato e come mai Gesù ha scelto proprio quest’ultimo su cui fondare la Sua Chiesa?
    Chi ce lo dice che non è venuto il tempo (ma forse lo è sempre stato) in cui la testimonianza, l’evangelizzazione deve avvenire proprio all’interno della Chiesa, nel cuore del popolo cristiano?

    Di quale Legge parliamo e sul quale ci appelliamo alla giustizia ed alla relativa punizione?
    Non so voi, ma io sono rimasta a bocca aperta quando questa mattina ho ri-sentito San Paolo in queste parole al termine della 2° Lettura:

    “Ma se vi lasciate guidare dallo Spirito, NON siete sotto la Legge”

    Pensavo di aver sbagliato a capire, pensavo di aver preso una cantonata, ma è proprio scritto così e quindi …
    Di quale Legge stiamo parlando?
    Quella di Dio è un po’ diversa da quella degli uomini e parla una lingua molto diversa mi pare.

    Di mio sono come Costanza, come te, ma la Parola di Dio mi mette in croce, con le spalle al muro. Gesù mi mette in croce perchè all’istante mi ricordo della Sua preghiera urlata al Padre prima di morire.
    Ribadisco prima di morire e non solo perchè è stato offeso moralmente.

    Non so voi, ma io con un Papa così, divento ogni giorno più cosciente che la mia conversione è lontana anni luce dal realizzarsi.

  11. @ elio
    caro elio, io sono uno di quelli che ha sbagliato e ha pagato a tassi da usuraio. Quello che dici mi spaventa molto e lo sento davvero lontano dal vangelo. La correttezza ci dev’essere, ma per tutti, ovviamente. Lo scandalo pedofilia è molto grave e mi apre che Papa Ben lo stia affrontando. Ma mi spaventa l’andazzo generale, non gli scandali urlati. Il post, e invito sempre tutti a restare sul tema!, parla dell’opera di dialogo e confronto che Papa Benedetto sta portando avanti con chi, nella Chiesa, ha ben chiaro in cosa consista l’evangelizzazione. Quindi andiamo all’essenziale, senza scorciatoie, ma senza diventare tutti inquisitori di chi sbaglia il quale, di solito, paga già di suo, se onesto…

  12. Delicatissimo argomento!
    Che mi prende in un momento personale di grande trambusto. Dove la parola “perdono” assume molte sfaccettature e mi confonde. Grande Gesù! Ci ha messo in crisi (ben sapendo di farlo) con le sue “settanta volte sette”. Ha rimescolato le carte della giustizia umana, ha dato una connotazione “di cuore, non di testa” alla misericordia del Padre. Questo parla di condivisione (comporre la divisione?) e dialogo. Difficile, certamente, ma non impossibile. Proviamoci, almeno un esempio ci è dinanzi e possiamo tentare di seguirlo.

  13. @ Robis
    … cara amica … mi hai fatto venire una bella ulcera con l’accoppiata Martini/Scalfari … va beh va … mi piglio un malox 🙂 🙂

    Però hai sollevato un gran bel nodo: l’evangelizzazione degli atei … si riduce ad un semplice confronto intellettuale ??
    Ha un fine ? Oppure no ?

    Insomma basta “rispettarsi” e ciascuno rimane sulle sue posizioni … oppure ci sono fronti di dialogo sui quali non si può cedere un passo … e per i quali … già il dialogo diventa una concessione di terreno (pensiamo ai temi legati al rispetto ed al riconoscimento della Vita) ?

    Il Cattolicesimo è solo “un’idea”, un'”ideologia” … insomma un sistema di pensiero?? … oppure …

    Parliamo di “atei”, mi raccomando, non di “fedeli di altre religioni” … sono due categorie d’uomini diversi …

    Credo che B.XVI … un Fine … lo sottenda 🙂

    @ Elio
    … sai che non mi appassiona proprio il tema che hai sollevato ?
    Non perchè non sia “in linea” con l’argomento del post … ma perchè … alla Nostra Chiesa, ed a questo splendido Papa … che forza, che coraggio maggiori si potevano chiedere, se non quelli fin qui dimostrati ?

    E poi … chi addita chi ?
    Tu? Io? … con le nostre povere esistenze? con la nostra immensa ignoranza?

    Su dai … non scherziamo 🙂

    A presto,
    Janus

  14. Mi viene in mente Sodoma e Gomorra. Sicuramente da qualche parte esiste qualche Parroco alla Curato D’Ars che ci salverà dalle catacombe. Grazie a questi sacerdoti ancora Santi.
    Andrea

  15. io credo che un dialogo può nascere solo se chi parla è disposto da ascoltare! parlo con cognizione di causa… io per prima a volte non sono disposta ad ascoltare e moltiplico le parole proprio per non lasciare spazio all’ascolto! Cosa faccio allora? prego, invoco lo Spirito su di me e su chi mi sta di fronte solo così la bocca si chiude e le orecchie si aprono. Credo fermamente alla preghiera di intecessione (che ho sperimentato come vera nella mia vita)… per lungo tempo, ho litigato con mio marito (entrambi parlavamo ma non avevamo voglia di ascoltare),finchè mi sono ricordata dell’insegnamento del mio padre spirituale di quando ero adolescente: prega per lui! per un anno ho chiesto ogni giorno a Gesù la conversione di mio marito e mi ha ascoltato, anzi ha fatto di più, ha convertito anche me!!!

  16. Non sapevo del “cortile dei gentili”.
    Però posso dire che nel quotidiano mi capita in vari ambienti di incontrare degli atei dialoganti.
    Soprattutto nei luoghi di cura.
    Soprattutto tra gli operatori sanitari.
    Forse è perché dietro l’attenzione all’altro non ci può essere solo filantropia?

    Comunque sia, è bello dialogare per rendere ragione della propria speranza, anche quando qualcuno ti giudica un idiota perché ti senti parte della Chiesa.
    Quella Chiesa “non tarocca” di cui, senza rendersene conto, anche loro fanno parte facendo del bene.

  17. @ janus
    Mi preoccupo moltissimo: com’è che sono sempre più d’accordo con te? (O tu con me? O entrambi al Vangelo?)

  18. Per rientrare in tema…la mia vita, come quella di quasi tutti noi, trascorre sempre più in mezzo a persone atee, quando va bene,per lo più però semplicemente indifferenti. Eppure vedo tracce ovunque, nella bellezza della musica e dell’arte, nella vita di ogni giorno, e imparo tanto da chi pur senza credere va avanti (e penso che essere atei sia durissimo, se lo si è realmente). Il dialogo è imprescindibile, perché ogni luce svela un’altra luce…di più, sento il credere come una grazia immeritata, una gioia infinita che altri non ha, ed è soprattutto questo che mi sento di condividere, non tanto un’idelogia.

  19. prima di tutto AUGURI A PAOLO e a tutti i Pietri….

    mi veniva in mente la curiosità di due genitori che hanno il figlio in classe con la nostra piccola Sofia… da una parola ad una amicizia insomma vengono spesso a casa nostra anche a cena… non sono sposati non hanno battezzato il loro bambino perchè sono dichiaratamente e politicamente contro la Chiesa… che strana amicizia con noi allora mi sono detta più volte! Eppure li incuriosiamo molto perchè non li abbiamo mai giudicati nel loro essere famiglia “senza sigillo” e questo ha permesso che si instaurasse un dialogo anche e spesso in temi di chiesa… parola chiave ACCOGLIENZA e non dico che è facile anzi spesso non abbiamo nulla per cui andare d’accordo ma il rispetto c’è e non è poco … io penso che spesso ci frequentano perchè non ci trovano bigotti e siamo comunque una famiglia che va in chiesa legge e prega e parla di Dio appena può, vogliamo che Lui ci sia, e forse questo ogni tanto si vede… e a loro incuriosisce.

    bellissima festa dei grandi PIETRO E PAOLO a tutti

  20. L’ulcera, Janus…accidenti! Come mi sento colpevole…! Ce l’hai ancora lì, le gocce?

    OK…parliamo di atei: mio papà lo era. Del genere che Ravasi metterebbe nella prima categoria. Era il classico intellettual/social/politic: occhialetti sulla punta del naso…leggeva cinque quotidiani (praticamente leggeva sempre!)…aveva un’opinione su tutto…lo prendevamo sempre in giro perché qualunque fosse l’argomento di cui si parlava lui si alzava e tornava col ritaglio di giornale appropriato o col libro aperto sul capitolo giusto…un mito! Sono sicura che se vi foste conosciuti vi sareste piaciuti!

    Io e lui…discussioni e dibattiti a pranzo, cena e colazione…”vinceva” sempre lui perché ne sapeva più di me. Di solito ne sapeva più di tutti. Gli atei non sono quelli che non conoscono Dio…sono quelli che non ne hanno fatto l’esperienza. Quindi non è con le parole o con le argomentazioni che li “convinci”…Di solito non hanno una grande opinione dei credenti…li considerano un po’…”bassi-bassi”. Quando ne trovano uno che evidentemente non lo è (come Martini, per esempio) si sorprendono. Credo che Martini sia stata una delle persone che mio padre ha più stimato pur non condividendo una parola di quello che diceva…ma gli piaceva come lo diceva e come lo viveva.

    Martini non ha mai indietreggiato di un passo…né allora…né adesso…li dovresti leggere questi suoi confronti con Scalfari.
    Oltre all’interesse degli argomenti appare evidente la stima tra i due: oserei anche dire che c’è più stima da parte di Scalfari che non viceversa. Entrambi conoscono la posizione dell’altro…non avrebbe assolutamente senso che cercassero di demolirsi vicendevolmente.
    Anzi…è anche uno Scalfari inconsuetamente quieto…che non è la sua caratteristica tipica, mi pare.

    No, il cattolicesimo non è un’ideologia ma parlarne, argomentarlo può essere interessante per tutti.
    Anche in questo blog, dove siamo (penso) tutti credenti non la pensiamo sempre allo stesso modo (a parte l’Essenziale, ovviamente). Eppure non tentiamo di convincerci a vicenda ma, raccontandoci, ci aiutiamo a crescere.

    La “cattedra” di Martini, in realtà non si rivolgeva solo agli atei ma al “non credente” che è in ciascuno di noi e si prefiggeva di stimolare un dialogo interiore tra la nostra parte dubbiosa e quella entusiasta. L’obiettivo principale credo fosse evitare di farci stare troppo tranquilli nel nostro “cristianesimo da pantofole”…renderci inquieti e, conseguentemente, attivi. Questo approccio è piaciuto molto anche ai non-credenti…è piaciuto moltissimo ai “cercatori di Dio”…non è piaciuto per niente a quelli Dio l’avevano già trovato e inscatolato.

    Non so esattamente come il Papa abbia intenzione di portare avanti la faccenda (se lo incontro glielo chiedo!).
    Io credo che sarebbe già un grande avanzamento per noi se il mondo tornasse a considerarci come aventi qualcosa da dire…e quindi bisogna pensarci un po’ e sapere bene cosa abbiamo da dire…nella consapevolezza che più le nostre convinzioni saranno fondate…meno temeremo il confronto…meno urleremo…più ci ascolteranno…
    Il “di più”, come sappiamo, non dipende solo da noi…mio padre è morto ateo.

    Concludo citando un passaggio della predica del mio parroco della scorsa domenica:
    “…è più importante farsi domande o trovare risposte? Porsi le domande, certo…ma quello che è fondamentale…è il cammino che si fa, insieme, per andare dalle une alle altre!”

  21. San Pietro e Paolo…ricorrenza bellissima, fondamentale per la Chiesa…ma temo tanto che qui, a Viareggio, dove vivo,oggi e per molti e molti anni ancora(…per sempre?)passerà nel dimenticatoio. Stasera, allo stadio cittadino,il nostro vescovo e un rappresentante dealla chiesa ortodossa e l’imam locale pregheranno insieme per 32 anime salite al cielo in seguito alla strage di un anno fa. So per certo che ci saranno anche tanti atei, reali o presunti tali: non riesco a definire quale potrà essere lo spirito che ci unirà nella commemorazione, ma penso che, nel dolore condiviso, ci sia una delle strade misteriose che uniscono gli uomini nel difficile percorso della vita. Chiedo una preghiera per tutte le vittime e i loro familiari anche a voi tutti amici della Rete.

  22. Auguri Paolo!!
    Dio faccia splendere su di te la Luce del Suo Volto, e ti sostenga con la Consolazione del Suo Spirito. ciao. Un abbraccio.

  23. @ Paolo
    Caro amico,
    sarà che hai respirato un po’ d’aria di Milano Tu …
    ed io un po’quella di Augusta Praetoria, nel disperato tentativo di trovar casa nelle tue valli 🙁
    In realtà … la Terza che hai detto 🙂

    @ Costanza
    amica mia (il passato è passato, giusto ? 😉 )
    voglio ringraziarti per il tuo intervento (“ogni luce svela un’altra luce” … “sento il credere come una grazia immeritata” )
    Caspita, grazie!

    @ Robis
    Cara amica … non ho trovato il maalox … ma queste tue frasi hanno lenito parecchio il dolore 🙂 :
    “Gli atei non sono quelli che non conoscono Dio … sono quelli che non ne hanno fatto l’esperienza”
    “… il “non credente” che è in ciascuno di noi …. stimolare un dialogo interiore tra la nostra parte dubbiosa e quella entusiasta”

    @ Molly
    “… una famiglia che … legge e prega e parla di Dio appena può … ”

    Insomma questa discussione ha proprio il sapore della vera ricerca.
    Bravo il Curtaz 🙂

    Atei abbiamo detto:
    – Pensanti “idealisti” (cercano di spiegare il mondo senza Dio)
    – Pensanti “cinici” (disillusi, feriti o l’esatto opposto, satolli, sazi di ricchezza e di se stessi …
    … negano il piano “trascendente”, burlandosi delle facili colpe umane, delle piccole contraddizioni, degli errori e delle cadute …
    che la Chiesa necessariamente ed inevitabilmente, si porta in seno)
    – Non pensanti (indifferenti … timorosi di Dio o schiavi di tempi e strutture che fagocitano ogni minuto della giornata …
    … in un nulla totalizzante od in una lotta quotidiana per la sopravvivienza)

    Due osservazioni:
    – Nella mia esperienza … fatte queste divisioni “sociologiche”, che non amo … affiora la sensazione di almeno due “categorie morali”:
    Gli atei “in buona fede” … e quelli che “in buona fede non sono”.

    Non dobbiamo fare l’errore “intellettualisitco” di porre in dubbio la Verità: Dio Esiste!
    E sappiamo che “opera” … anche ad insaputa dell’uomo su cui sta operando 🙂
    Sappiamo che l’Uomo è “capace di Dio” … lo sente, lo percepisce, lo avverte … non esiste una cultura nella storia che non abbia “colto” l’esistenza di Dio … di un Dio …
    … sono gli Atei fuori dalla storia … non i credenti 🙂

    Ergo: chi “nega Dio” o, in verità, lo cerca o, consapevolmente o meno, lo fugge!

    I primi sono quelli che chiamo “credenti disperati” … non vivono il modo “indicativo”, ma quello “condizionale” …
    Vorebbero non credere … riuscissero veramente a giustifcare tutto senza Dio … sarebbero in pace, ma non ce la fanno … e via ad elucubrare …
    … li affidiamo a Robis 🙂 … che con poesia e canto … saprà ammansire anche le fiere più feroci !

    I secondi sono invece “sottili” artefici della negazione … creano se stessi, confutando la realtà e spesso negando la verità.
    Di questi invece bisogna diffidare …perchè alcuni sono solo frutto di certi tragici percorsi “intellettuali” … altri sono
    volenterosi carnefici al soldo del cornuto.
    … questi li affidiamo a Costanza che, vista la verve, … saprà salvare chi deve esser salvato (con la pietà che ogni buon guerriero ha sempre, sul campo di battaglia,
    del proprio nemico sconfitto) …
    … e piazzare qualche bel colpo a chi invece ha venduto l’anima al cornutaccio!

    Gli indifferenti
    – per questi tenerezza (ma si alla fine, li prendi come li prendi .. sono vittime, spesso della loro debolezza,
    spesso della mancanza di strumenti adeguati)
    … con questi vince l’esempio più che il ragionamento …
    … li affidiamo a Molly 🙂

    Un’ultima provocazione :
    Non è che B.XVI … parla a “nuora perchè suocera intenda” ?
    Insomma … non è che il vero fine di questa esperienza d’evangelizzazione siamo noi ?? (credenti a vario titolo :-))

    Salùt
    Janus

  24. cari compagni di ricerca,ogni giorno mi piace leggere i vostri post e riflettere un po’ con voi.L’argomento di questi giorni mi suscita tanta tristezza e mi chiedo:ma perchè noi cristiani non riusciamo proprio a rendere “ragione della nostra speranza”? Non riesco proprio a vedere quelle comunità in cui “vi riconosceranno da come vi amerete”. Non vorrei deprimere nessuno, ma come cristiani abbiamo molto da imparare…Stamattina ho partecipato ad una Celebrazione Eucaristica feriale, in un parrocchia in che non conosco, con un sacerdote che non conosco: in 15 minuti era tutto finito, il prete non ha mai sorriso o alzato gli occhi sui fedeli, la Parola di Dio e le preghiere … tutto di corsa. Non voglio giudicare, chissà che problemi ha quel sacerdote,
    poverino, voglio pregare per lui, perchè ritrovi le ragioni della sua vocazione;
    ma dalle nostre chiese quante volte usciamo spenti, più tristi di quando vi siamo entrati. Preghiamo perchè il Signore ci aiuti ad essere più coerenti con la nostra fede, perchè la gioia della resurrezione, la gioia di essere cristiani possa trasprire dai nostri comportamenti, altrimenti al cortile dei gentili porteremo soltanto le nostre bellissime discussioni teologiche, ma sarà solo “aria fritta”.

  25. Vorrei partire dalla provocazione di Janus( ti ringrazio x il saluto personale inviato a me qualche post addietro).
    “…che il Papa parli a nuora xchè suocera intenda?”
    ++ Penso proprio di si, diversamente il discorso sarebbe molto limitato e anche ambiguo.
    Spesso il Papa si è rivolto a preti o consacrati… ma alre volte ha detto semplicemente “Chiesa” e fino a prova contraria nella chiesa ci stanno ….tutti i battezzati che hanno bisogno di conversione e purificazione tanto quanto i preti e i consacrati!!!!
    …e che dire delle famiglie? mi riferisco anche a quelle che hanno celebrato il Sacramento( i preti e i consacrati non sono coinvolti in prima persona!!…almeno li..)
    +++ Come dicevo già precedentemente, si fa un cattivo servizio a tutti… tirarsi fuori dalla mischia e dall’alto (dlla mia presunta perfezione)giudicare …gli altri!!!
    @@@ Sarebbe molto facile x me citare frasi evangeliche !?!? sul pericolo del guardare la pagliuzza nell’occhio altrui…ecc o dire ” attento!!! sarai giudicato con la stessa misura ( severa- intransigente) con cui giudichi tu gli altri… ( ma ancora una volta sbaglierei!!)
    *** La Chiesa continuerà ad esser sacramento di XTO… non tanto perchè e quando i preti …si convertiranno tutti…ma perchè , docili allo SPIRITO, ogni battezzato( e il prete è un battezzato) si lascerà conquistare dall’Amore di CRISTO. E la Chiesa – cioè tutti i battezzati!!!!- continuerà ad essere Sacramento di CRISTO anche quando saprà riconoscere e valorizzare tutti quegli uomini retti e di buona volontà, di cui il mondo è pieno, costruttori di Pace e di Bene- veri FIgli di DIo( anche se inconsapevoli).

    °°°***Pensare, confrontarci, dialogare…. non x creare “una verità maggioritaria” ma, semplicemente, perchè la Verità non ha paura del dialogo!!! perchè l’Umanità è nel Cuore di XTO.!!! E il Piano del Padre è fare di XTO il Cuore del Mondo perchè Cristo è entrato in dialogo con l’Umanità!! NOn dimenticando che anche noi , come Chiesa , esistiamo x servire il Mondo ..nel senso di aiutare il mondo(ATTRAVERSO LA TESTIMONIANZA DELL’AMORE) a incamminarsi verso il REGNO….Insomma una Comunità Cristiana sull’Icona dell’ESODO…”….popolo di Dio pellegrinante verso il Regno….che si fa incontrare nel Dono di sè..x divenire eco della Parola!…perchè tutti gli esseri umani possano accoglierLa, liberamente e per Amore.
    Non quindi Chiesa opposta al Mondo ma Chiesa nel mondo , con il mondo , per il mondo all’interno dei molteplici cammini religiosi… senza , x questo, relativizzare la Centralità e l’Unicità di Cristo colto magari come il “laten deitas” il Dio nascosto nel profondo del cuore umano, nell’attesa che si manifesti pienamente …al Suo Ritorno GLORIOSO.
    una preghiera reciproca!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE