Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Pattume
Ultimi articoli inseriti Giona
Ultimi articoli inseriti Bevi e divertiti
Ultimi articoli inseriti Grembo

Mosé

05_papiro

In quei giorni, Mosè, cresciuto in età, si recò dai suoi fratelli e notò i lavori pesanti da cui erano oppressi. Vide un Egiziano che colpiva un Ebreo, uno dei suoi fratelli. Voltatosi attorno e visto che non c’era nessuno, colpì a morte l’Egiziano e lo seppellì nella sabbia. Il giorno dopo, uscì di nuovo e, vedendo due Ebrei che stavano rissando, disse a quello che aveva torto: “Perché percuoti il tuo fratello? ”. Quegli rispose: “Chi ti ha costituito capo e giudice su di noi? Pensi forse di uccidermi, come hai ucciso l’Egiziano? ”. Allora Mosè ebbe paura e pensò: “Certamente la cosa si è risaputa”. Poi il faraone sentì parlare di questo fatto e cercò di mettere a morte Mosè. Allora Mosè si allontanò dal faraone e si stabilì nel paese di Madian e sedette presso un pozzo. (Es 1,11-15)

Abramo ci ha svelato il volto di un Dio misterioso che ci chiama ad andare a noi stessi, a dare retta al bisogno di senso che portiamo nel cuore, Mosè ci conduce nel deserto per scoprire che il Dio dei Padri si occupa (e tanto) dell’umanità. Mosè è il principe d’Egitto, salvato fortunosamente dalla figlia di Faraone, e viene a sapere delle sue umilissime origini. Il libro dell’Esodo non parla “del” Faraone ma di “Faraone” come un nome proprio, come un nome collettivo che simboleggia la tirannia del potere da cui liberarsi. Possiamo immaginarci il temperamento del giovane e pasciuto principe che vede la sofferenza degli ebrei e decide, dall’alto della sua posizione, di fare qualcosa. Ma lo zelo di Mosè, che tanto assomiglia all’atteggiamento dei giovani borghesi degli anni sessanta che volevano convincere gli operai, si fonda su basi fragili. Mosè presume, pensa di sapere, crede che la folla gli andrà dietro. Perché mai dovrebbe farlo? Per il popolo Mosè è e resta il figlio del tiranno che obbliga Israele in un regime di semi-schiavitù… E avviene il fattaccio raccontato dal libro dell’Esodo: Mosè interviene per fermare un egiziano che sta malmenando un povero ebreo, nella colluttazione l’egiziano resta ucciso. Mosè non se fa scrupolo, continua il suo percorso come se nulla fosse. L’indomani, vedendo due ebrei litigare, cerca di intervenire e riceve una risposta che, per lui, è la fine del suo fragile delirio di onnipotenza: “Vuoi forse fare a noi quello che hai fatto all’egiziano?”. Mosè scopre che non è amato, che nessuno lo segue, anzi che è temuto per i suoi eccessi di violenza. Mosè vede il suo nascente sogno giovanile frantumarsi, il suo ego svanire a contatto con la bruciante realtà. Deluso, amareggiato, Mosè abbandona tutto e fugge verso il deserto. La sua vita è compromessa: è comunque un omicida, non un rivoluzionario, decide di rifugiarsi al di là del deserto, di ritirarsi a vita privata…. Quante persone conosco che hanno fatto questa esperienza! Entusiasti, sognatori, appassionati che hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo, che si sono impegnati, in parrocchia, nel sindacato, in politica, per poi scontrasi con la realtà e decidere di ritirarsi a vita privata. C’è molto dolore in quella scelta, e anche un po’ di sufficienza. Mosè è un liberatore da liberare, un condottiero che deve prima affrontare la durissima battaglia del proprio egocentrismo per diventare davvero lo strumento di Dio. Di là dal deserto Mosè trova pace: una moglie, Zippora, un figlio, un mestiere che suo suocero Ietro gli insegna, il guardiano di greggi. Fa tenerezza vedere il principe d’Egitto, smessi gli abiti del suo rango, nascondersi dietro la pesante tunica dei beduini. Fine del sogno, Mosè non sa neppure più dove sia l’Egitto e la corte. Ora è un fuggiasco, un latitante che si nasconde nelle tende dei beduini. I suoi sogni di grandezza sono perduti per sempre. Ora Mosè è pronto per diventare il condottiero che sognava di essere, ma che non pensava di poter diventare. Alla fine del suo percorso di fallimento, Dio lo stava aspettando.

Dio dei Padri, tu non vuoi dei condottieri valenti, ma degli uomini autentici, consapevoli dei propri limiti. Nulla ci allontana da te, ma tu conduci le nostre storie verso orizzonti di bene e di libertà, Dio che liberi Mosè da se stesso!

Category: Parole

81 comments

  1. se permettete dico la mia riguardo al blog. …è bello così,unico nel suo genere, semplice fantasioso e non ti annoia mai Ognuno ha sempre qualcosa da dire ,anche se si esce fuori tema per questo è vario, se c’è qualcosa che non interessa … si salta l’argomento e via….tante volte anch’io non leggo tutto per questioni di tempo ma non me ne faccio un cruccio.Tutti possono partecipare ,tutti possono parlare,tutti possono esprimersi, tutti possono sfogarsi parlando delle proprie esperienze… è libertà e la libertà va a braccetto con il rispetto e il rispetto con l’amore

  2. @rosaria

    … e tutti possono fare anche doppioni di commenti (perchè non ce la fa a leggerli tutti).

    Che fa impressione in questo blog è la mola straordinaria dei commenti, il che significa che sta toccando qualche cosa di vitale nelle persone.

    E’ un “blog Mosè” che conduce.

  3. riflettevo: Mosè è principe d’Egitto. per quale motivo ha fatto sta cretinata di uccidere uno anche se era per difendere un altro e non si è inventato una storia qualunque invece di seppellire tutto? la risposta è bhoooo o meglio in certi periodi della vita bisogna proprio fare stupidagini per crollare e cadere nel baratro per poi riosrgere… pare brutto dirlo ma infondo se non ci fosse stata la crocifissione (narra il canto pasquale FELICE COLPA ) e la morte niente salvezza e niente resurrezione… che strana questa strada !
    spesso mi chiedo perchè il mio cuore non si sia ancora definitivamente convertito nonostante i numerosi atti d’amore che il Signore mi ha rivelato … perchè sono ancora così tenacemente sclerocardica??? anche qui dico solo bhooooooo
    un bel bhooo di saluto serala a tutti e che il santo nome di MARIA vi accompagni nei vostri sogni

  4. @Molly
    Mosè era convinto di non essere stato visto da nessuno…e invece si sbagliava di grosso! Quanto a noi non è che dobbiamo impegnarci troppo per fare cretinate…quando pensiamo di saper fare, e soprattutto di saper fare meglio di Lui e ci mettiamo al Suo posto è lì che facciamo lìinevitabile cavolata. Ma Lui riesce a raddrizzare anche quello che noi rendiamo contorto e facendoci fare magari un giro più lungo ci porta dove voleva. Ma riesce quando ci affidiamo, e dopo una bella caduta per noi forse è più facile riconoscere quello che siamo e lasciarlo fare.
    BUONA DOMENICA A TUTTI 🙂

  5. @Molly
    per l’omicidio:
    per potere personale del “io posso farlo”? per impulso? per giustizia personale?
    per il nascondere tutto:
    per convenienza? per senso di colpa per aver ucciso un uomo? perchè è semplicemente umano e quindi si tende a nascondere ciò che non va bene? la sindrome di Adamo?

    Ci possono essere innumerevoli rispote e tutto possono essere esatte come sbagliate.
    L’uomo è davvero un mistero.

    E per la morte in croce … bé … ci vorrebbe un teologo di quelli grossi, ma da brava ignorante AZZARDO l’idea che la morte di croce non era l’unica possibilità.
    La salvezza è arrivata alla nascita di Gesù e se fosse stata accolta la Sua Parola forse non sarebbe stata necessaria la morte di croce.
    Ma che vale è l’insegnamento della Croce quel “quando tutto sembrava finito, tutto stava per iniziare”.

    E tu, se te lo chiedo perchè sei così sclerocardica … significa che già stai guarendo, anzi forse sei già guarita.

    Le mie non sono risposte, anche per me sono dei boooohhhh!!!

  6. @lidia
    ciao lidia bhe mi do sempre della scerocardica proprio perchè non sopporto che nonostante il Signore mi sia sempre vicino come dice san paolo faccio quello che non voglio … insomma bell’imbecille!! a parte gli scherzi nonostante la grazia ci circondi perchè non riusciamo ad accettare pienamente che il Signore ci ami nonostante il nostro peccato? non riusciamo… emmm io!!!

    buona domenica a tutti

  7. @Molly
    credo si chiami “ansia di santità”. Insomma con si stà addosso al proprio peccato nella convinzione di riuscire a debellarlo con più questo fa vedere i “muscoletti” e disprezza con una serie di “hai visto che non ce la fai! Lo vedi che sei lontana anni luce dal Signore? Lui è Dio e tu guarda che fai …”.
    La tentazione all’incontrario, la tentazione di Mosè – appunto – la tentazione di Gesù … la tentazione che ti fa vedere tutto il bene e ti fa credere di non essere degna di amore.

    Ma l’amore vero non guarda la “degnità”, l’amore vero è sempre esagerato, l’amore vero è quello che ammette il proprio limite e … con coraggio lo dona.
    La salvezza, in definitiva, credo sia proprio questa capacità di abbattere il limite umano … usandolo come (da ridere 😀 ) “sgabello ai Suoi piedi”.

    Anch’io non tollero l’amore di Dio a volte e spesso Gli chiedo “Ma come càspita fai ad amarmi così?” (ah! per inciso il Suo amore non è bacini e baciotti, carezze e lisciate … spesso passa per la passione di cuore che fa dare i numeri)

  8. @ww
    sono d’accordo con te! sono appena tornata da un pellegringgio in Turchia organizzato dalla mia diocesi, tutto quello che hai scritto a proposito dei viaggiatori è vero, ognuno di noi ha un atteggiamento diverso durante il viaggio, ma tutti puntiamo lo sguardo sulla nostra meta e quando arriviamo abbiamo tutti le stesse espressioni di sorpresa, gioia e curiosità di fronte alla bellezza di ciò che vediamo. Il nostro è stato un viaggio sulle orme di San Paolo alla scoperta delle nostre radici cristiane. Ma oltre a questo è stato un viaggio dentro un paese e una cultura che non conoscevamo e che ci ha aiuato a vincere i pregiudizi di cui siamo pieni. Il pellegrinaggio ci ha aiutato amodificare la nostra mentalità nei riguardi dei messulmani, visti, attraverso la tv, solamente sotto l’aspetto dell’integralismo. Abbiamo visto un armoniosa sintesi tra Oriente e Occidente, ammirato monumenti storici, cultura e arte, che rivelano un’alta spiritualità che accomuna Islam e Cristianesimo nella fede in un unico Dio. Ci sono luoghi “sacri” per eccellenza, dove la distanza tra cielo e terra sembra annullarsi, ne abbiamo attraversati molti, ce ne ricorderemo a lungo. Per concludere, questo viaggio ci ha fatto tornare a qualcosa che avevamo dimenticato, ma di cui avevamo bisogno: le origini di ciò che siamo e per cui siamo nati: la conoscenza di Dio e di noi stessi. 🙂 scusate se mi sono dilungata e ho divagato dall’argomento iniziale…ma forse non del tutto, è pur sempre di un viaggio che si parla. Un saluto a tutti. Ciao Miriam, nei molti momenti di preghiera condivisa ho pensato a te a Paolo e un pò a tutti voi!

  9. scusate, nella fretta di scrivere ho fatto un sacco di errori 🙁 ….la verità è che non sempre ho il tempo e la possibilità di stare un pò con voi, così quando posso sono parecchio precipitosa! 🙂 🙂

  10. @elena bentornata!Ma lo sai che sono stata in pensiero x te?Non vedevo l’ora che tu scrivessi xk ho visto scene del fiume che ha straripato lì e della strada dell’aereoporto…

  11. Ti dirò, parecchi si sono preoccupati per noi, per fortuna inutilmente perchè quando è successo il disastro a Istanbul noi eravamo ad Antiochia, quindi parecchio lontani e per fortuna al sicuro. Siamo poi ripartiti per l’Italia da Adana un piccolo aeroporto nei pressi di Antiochia! Tutto bene quindi. Ti ringrazio moltissimo per aver pensato a me, è una cosa davvero bella sapere che qualcuno che neppure mi conosce pensi a me. Grazie grazie. Un abbraccio.

  12. @elena è vero non ci conosciamo personalmente noi del blog ma comunque ci “incontriamo” e nel nome del Signore ci uniamo…Bella vero la casa di Maria ad Efeso?Scusate ragazzi se non stiamo parlando di Mosè …

  13. @Miriam
    Come non stiamo parlando di Mosè?
    Certo che ne stiamo parlando: il viaggio, l’acqua minacciosa, gli incontri, la voce dei “dissidenti”, i dubbi, Paolo che va per la sua strada in questo blog(giusta per altro) … Più Mosè di così!

  14. @lidia è vero 🙂 Riflettevo che tantissime volte noi desideriamo fare i giustizieri e mettiamo a morte l’egiziano…Penso che la violenza non piaccia a nessuno ma quante volte la mettiamo in pratica!Uno sguardo fulminante,una lingua biforcuta,un atteggiamento sprezzante in nome della giustizia!Quanta violenza verbale…Pensiamo di essere giusti di sapere e ci mascheriamo sotto una falsa modestia falsa umiltà…Il brutto è che il più delle volte entriamo così nel ruolo che mica ci accorgiamo che “uccidiamo”! Almeno Mosè è scappato ha guardato in faccia a se stesso!E noi?Troviamo sempre le parole giuste x difenderci se accusati?O x difendere i deboli?Il fine non giustifica i mezzi…

  15. @Miriam
    E già! 🙂
    Ma questo non toglie, @Miriam, che dobbiamo comunque difendere con decisione, ma senza offendere, senza “uccidere”.
    Personalmente sono molto dura (secondo il mio avviso) in queste situazioni, però non capisco come mai (assicuro che non capisco davvero) quando capitano queste situazioni (ultimamente quotidianamente)quello/a che a me pare di “stare facendo a pezzi” non ha questa impressione di “taglio di testa”, ma ha quella di – come dire – un’immagine oggettiva. Insomma, secondo loro (ma credo si sbaglino di grosso, perchè mi conosco) colpisco l’errore, ma accarezzo chi lo compie.
    Per me hanno picchiato la testa da qualche parte, per quello che ne so io sono proprio come tu descrivi.
    Mah! E’ proprio vero che spesso la Luce dello Spirito Santo si posa proprio su coloro che sbagliano ed opprimono i deboli … così che quando arrivano i tipi come me, loro non si accorgono dei modi “assassini”, ma avvertono solo la correzione.

    Che scherzi da Spirito Santo!

  16. @lidia
    se si fanno dei doppioni di commenti, perchè non si è avuto il tempo di leggerli tutti ,penso che la cosa diventi ancor più costruttiva, il cervello ha lavorato ,elaborato e meditato e.. non è poco, credetemi, in questo mondo di superficialità

  17. Ritornando a Mosè, spero di non essere doppiona,ho “elaborato”e riflettuto,lui voleva, come scopo finale, salvare il suo popolo dalla schiavitù degli egizi ma… il disegno di Dio, costruito per lui era ben diverso…o meglio lo scopo finale era sempre quello ma i mezzi dovevano essere diversi Dio aveva intenzione di mostrarsi con tutta la sua forza e il suo spendore al popolo “prediletto” attraverso Mosè … era lui stesso il mezzo. Nellla vita pratica Quante volte pensiamo di fare qualcosa al fine di aiutare il “MONDO” e poi le nostre aspettative ,i nostri sogni le nostre speranze vengono deluse strappate via ,insomma crediamo che qualcuno o meglio la società ci metta i bastoni fra le ruote, diamo sempre la colpa agli altri di quello che ci succede….può essere un disegno divino? può essere che semplicemente bisognava intraprendere una strada diversa?o quella determinata cosa non dobbiamo farla perchè Dio ha in serbo per noi altri progetti ,magari più vicini a noi più alla nostra portata, più piccoli ma sicuramente ugualmente utili… a me succede spesso e do la colpa agli altri Forse è perchè non riesco a capire con il cuore ma uso il cervello troppo e troppo spesso in modo sbagliato

    RAGIONAMENTO DELLE ORE 6.00 forse sono un poco fuori…

  18. @rosaria
    che meraviglia di commento il tuo!!! Eeeeesattto!!!
    La cosa più pericolosa nella Chiesa è proprio l’acqua stagnante: sulla superficie si crea una patina un po’ amorfa.
    Anche se è vero che SOLO nelle acque stagnanti nascono le ninfee che sono fiori bellissimi.
    Che sono fiori, però, che hanno le radici sul fondo e nell’acqua (Battesimo) e “bucano” tutto ed escono al sole gridando vita e bellezza.

    Per Mosè:
    anche per questo è vero ciò che tu dici ed io insisto nel percorso di Mosé (e anche nostro) da CONDOTTIERO a CONDUTTORE … anche nel senso che lascia passare attraverso sé tutta la potenza di Dio … di Mosé solo il coraggio di giocarsi fino in fondo

  19. @rosaria
    (scusate, ma ho dormito quasi niente e quindi i neuroni sono un po’ flippati)
    Dicevo del “giocarsi fino in fondo” e quel “fondo” sono anche i nostri errori.
    Oddio, ma che meraviglia non è quando un errore umano consegnato candidamente a Dio supplicandolo di girarlo in bene, “bene” lo diventa ed anche grande!!!

  20. Mosè a mio avviso,ci fa capire che senza l’incontro con Dio,molto spesso le nostre iniziative pur avendo scopi apparentemente giusti ,non hanno un’identità…Mi spiego..Il narratore ci dice “in quei giorni,Mosè cresciuto in età..”quindi ci informa che sono passati abbastanza anni..Una delle domande che mi son fatta è questa: ma che rapporto c’era tra Mosè e il suo popolo?Mosè si era totalmente integrato con la comunità egiziana?Nel testo leggiamo “uscì verso i suoi fratelli…”questo verbo uscire sembrerebbe farci capire che da subito Mosè si sia proposto come liberatore..Questa “uscita” gli permette di vedere l’oppressione di Israele..Anche Dio più avanti vedrà…Mosè non è un osservatore distratto e avendo visto l’oppressione dei suoi fratelli prende l’iniziativa ed ecco che ci troviamo di fronte alla giustizia violenta di Mosè!Reagisce e uccide l’egiziano!Si assicura di non essere visto x cui è un’azione premeditata e fredda poi nasconde il cadavere sotto la sabbia.Il giorno dopo “ESCE” di nuovo con lo stesso zelo,ma un ebreo gli chiede : chi ti ha costituito come capo e giudice su di noi?Vuoi uccidermi come hai fatto con l’egiziano?Secondo voi Mosè se lo è chiesto se è davvero con la violenza che si può restaurare la giustizia violata?Secondo me si..E si sarà chiesto pure : chi mi ha dato questo incarico?Sono egiziano o ebreo?In nome di chi faccio tutto questo?Insomma è andato in crisi!Ed è fuggito!Solo l’esperienza dell’esilio prepara il terreno a Mosè,egli incontrando Dio ritrova la propria identità.Nel testo che stiamo commentando,il narratore , mette in luce l’ambiguità delle azioni di Mosè: egli è animato dalle migliori intenzioni,agisce in buona fede nell’uccidere l’egiziano,in nome della Legge nel tentativo di sedare la rissa…Ma il risultato del primo atto è una nuova violenza e il risultato del secondo è una fuga e la minaccia di una violenza peggiore: il faraone cerca di ucciderlo!Si rinnova la doppia domanda: serve davvero la violenza?Chi sei e chi ti ha dato questo incarico?Leggendo il brano completo di Mosè scopriamo che la liberazione è efficace solo in seguito all’intervento di Dio,la ricerca della violenza come soluzione all’ingiustizia ,chiama solo altra violenza…Dio fino ad ora è assente…Nel brano che commentiamo c’è solo atmosfera di violenza e morte..Il fuggire di Mosè sembra il suo fallimento totale….Sia nel privato che come liberatore..

  21. @Miriam
    E’ vero Miriam il fatto che violenza genera violenza, ma se stiamo al solo racconto della liberazione del popolo, anche Dio ha usato la violenza.
    Significa quindi che è un Dio violento? Che solo Lui può usare violenza?
    No, credo che ci sia altro se portiamo ogni immagine di “violenza divina” ad un livello più alto di realtà personale.
    La violenza che gli egiziani subiscono è per immagine proveniente da Dio, ma effettivamente è proveniente dagli stessi egiziani, dai persecutori, dagli oppressori. … E questa, tra l’altro, è storia umana perchè effettivamente i faraoni si sono estinti per gli stessi motivi “dipinti” dalla Bibbia.

    Eh … la bellezza di Dio che si incarna nella storia!
    Ecco da dove “esce” Mosè, ed esce per guardare oltre l’immagine e all’immediato.

  22. Posto sia qui, sia nel precedende “argomento”, questa mia rilessione …
    … poi per me la vicenda è chiusa 🙂

    Intanto voglio chieder scusa a chi può essersi sentito “turbato” … per altro mi scuso anche per la piccola polemica che ne è nata, che non era nelle mie corde voler suscitare.

    La mia riflessione nasce dalla conoscenza del meccanismo dei blog e della rete in generale.

    In un mio “post” agli albori del Blog di Curtaz avevo sottolineato come il problema “dei social network” non fossero le “discussioni” o le “divisioni” … ma gli entusiasmi 🙂

    La realtà è realtà … il virtuale è virtuale …
    … l’unico riferimento in carne ed ossa di questo blog è il suo curatore … tutti noi siamo realtà virtuali … nessuno di noi può sapere chi si “cela” dietro l’avatar (che è sanscrtio… e vuole dire “incarnazione/epifania della divinità … fate un po’ voi) del proprio interlocutore …

    Insomma … ribadisco che mi piace leggervi … ribadisco che a volte (come il post della “Legatura di Isacco”…) trovo sputi di riflessione e meditazione “impensati” …. confermo però l’invito a vigilare sulla “troppa dedizione” in termini di tempo e sottrazione dello stesso alla vita reale ….

    … Vi faccio due preghiere:

    – Se Vi doveste accorgere di passare troppo tempo a leggere/rispondere, aggiornare, controllare il blog , se vi doveste accorgere che con alcuni “avatar” vi sentite più in sintonia o “sentite di conoscerli” più e meglio di persone in carne ed ossa con cui vivete tutto il giorno (ufficio, parrocchia, associazioni etc etc), se doveste sentire un “vuoto” sofferente quando non riuscite ad aprire il blog … rallentate!!
    – Se Vi doveste accorgere di iniziare a “considerare” il dialogo di questi blog come un momento importante della professione della vostra fede … se doveste cogliere elementi di eccessivo piacere nello scrivere e nel rileggervi … rallentate.

    Ecco questo è tutto … rassicuratemi … ed io ne sarò lieto 🙂

    Salùt

    PS
    Nel prossimo commento (spero in settimana) parlerò di quel “rivoluzionario fallito e poi risorto” che fu Mosè 🙂

  23. @janus apprezzo molto il tuo preoccuparti x l’equilibrio emotivo dei blogger…È molto cristiano il tuo chiedere di vigilare …Tempo fa qualcuno disse che questo è un porto di mare…X cui come dici tu dietro il nostro nome si potrebbe celare chiunque…Sia in positivo che meno positivo 😉 condivido tutto ciò che hai scritto …Ma proprio xk questo è un blog cristiano è giusto che x quanto virtuale sia l’incontro unendoci nel commentare la Parola di Dio e nel confrontarci tra noi ci sia massimo rispetto massima carità xk chiunque ci legga possa capire l’intervento di Dio in noi come appunto è successo a Mosè…Insomma come nel foglietto illustrativo x i medicinali ci sono i componenti le indicazioni le controindicazioni le precauzioni le interazioni e le avvertenze speciali la dose il modo e tempo di somministrazione gli effetti indesiderati….Attenti al sovradosaggio 🙂

  24. @Janus
    Grazie Janus per aver condivo con noi la tua conoscenza del meccanismo dei blog, infatti credo che molti di noi non ne siano a conoscenza di tale meccanisco ed io per prima. Sono contenta che tu l’abbia fatto, così ognuno noi si esamina e si corregge.
    Anch’io quando all’inizio mi sentivo attratta mi sono chiesta:”Perchè?” e mi son pure risposta:”E perché no?”. Di fronte ad una nuova esperienza, ad un’idea, ad un incontro nuovo, prima di rifiutarlo e sempre meglio chiedersi “e perché no?”, solo così si apre la mente, si apre il cuore: e si resta aperti alla Vita.
    Questo blog, mi ha fatto conoscere, anche se virtualmente, persone nuove ognuno con la propria vita ma tutti con lo stesso: AMORE.
    Giustamente come dici tu, caro Janus, ci vuole il giusto equilibrio in tutte le cose. Ne prendo atto.

    Cià (alla milanese)

  25. @lidia
    grazie per avermi messa in guardia ,perchè io sono quella che difficilmente rallenta…..quando qualcosa mi prende , mi prende con tutta me stessa e divento un treno in corsa e facilmente poi mi ritrovo con la testa rotta in ospedale

  26. @rosaria
    A chi lo dici!!!!
    Supero ogni limite fisico e persino di tempo, mi sfinisco oltre misura … e quello che è peggio è che non sento la stanchezza.
    Ma ormai non mi chiedo più il perchè o il per come e neppure “ma come cavolo ho fatto!!!” … Vado e basta … e … i cerottini si sprecano!!!

  27. @Miriam
    Molto bella, lì ci siamo fermati per la celebrazione Eucaristica. E’ stato un bellissimo viaggio in tutti i sensi, sia spirituale che culturale e turistico.:) ciao a presto

  28. O Santo Cielo! Che è successo? Nessuno ha più niente da dire?
    Non ci credo per nulla!
    Paolo, forse è il caso di dare una shackerata al piccolo mare che è questo blog!

  29. @lidia
    sarà mica iniziata la stagione del letargo?
    Forse stiamo tutti aspettando di sapere come continua la storia di Mosè. Come mi piacerebbe chiedere al il condottiero/conduttore come avrebbe affrontato una riunione sindacale. Mi chiedo perchè deve essere solo il luogo per la contrapposizione, per levare lamentele su tutto e soprattutto per rivendicare richieste singole e unidirezionali senza riuscire a costruire qualcosa condividendo in una prospettiva di gruppo. Insomma anche il popolo che guidava Mosè non era mai contento, prima vuole fuggire dall’Egitto e poi si lamenta perchè si trova nel deserto a cibarsi di manna. Fidarsi mai. Eh già caro Mosè ma quante volte ti sarai chiesto Ma chi me l’ha fatto fare?
    p.s. Cercasi istruzioni per costruire un serpente di bronzo.

  30. @Pa
    Bè … è sempre più facile ubbidire/subire che pensare e prendersi le proprie responsabilità. E’ molto più comodo lamentarsi che non proporre o addirittura fare cose nuove. E’ gratificante (e si trovano tanti amici) nel lamento ad oltranza, mentre si viene un po’ allontanati se il lamento viene rivolto a sé stessi.
    E’ più simpatico trovare qualcuno a cui dare la colpa piuttosto che incolparsi.
    Nella infinita lista dei peccati che bene o male ci addossiamo ce n’è uno che non viene considerato peccato, ma è il più tremendo: il peccato di omissione … di cuore, di sé stessi, di intelligenza ecc. e tutto fatto per amore di Dio e – per ovvie ragioni – per amore del prossimo.

    Istruzioni del serpente di bronzo? No, le hanno stracciate, ora abbiamo l’Eucarestia che è un Dio che si innalza abbassandosi in noi e rialzandoci insieme a Lui. Innalzare il bene in mezzo ai serpenti di ogni genere significa davvero neutralizzare il veleno del male.

    Okkio però, un po’ di pelle la ci si perde, ma ne vale la pena, ne vale davvero la pena … Parola di Gesù, parola di Mosè e un po’ parola anche mia.

  31. Eccomi … a Mosè.
    Ed eccomi a confessarVi che a me Mosè non piace, non è mai piaciuto e chissà se mai potrà piacermi.
    Ho scritto già una volta di come la Bibbia (il V.T.) sia a mio modestissimo avviso da “prendere con le pinze” … la lettura del Pentateuco (primi 5 libri) poi sono da “leggere con una guida molto preparata” 🙂
    Vi faccio un esempio : i framassoni studiano il Pentateuco ed inziano e concludono i loro “riti” imponendo le mani su di una copia della Bibbia … Osteggiano invece Gesù ed il Vangelo 🙂 Un motivo ci sarà pure 😉
    Arriviamo a Mosè … attraverso Strabone … che fu un “geografo” antico … e come tale in realtà un antesignano della futura antropologia.
    Strabone, nell’ultimo capitolo della sua “Geografia” (dedicata all’Egitto ed alla Libia) parla di Mosè … e lo definisce faraone/sacerdote di osiride (divintià egizia)!
    Mosè … in ebraico vuol dire “salvato/levato dalle acque” … in egizio “figlio/nato” (Es. : Ramses – Ra. Moses – Figlio di Ra, divinità egizia).
    Diciamo che sono vere entrambe le “etimologie” … ma nascondono molto più di quanto possa sembrare ad una lettura superficiale.
    Comunque sia (tralasciando le varie ipotesi più o meno storiche ed esoteriche) Mosè fu probabilmente cresciuto come sacerdote (anche secondo la tradizione biblica il Faraone aveva già un figlio, destinato a guidare l’esercito … a questo nuovo che faceva fare ? il sacerdote) … che in quei tempi vuole dire “iniziato ai misteri dei culti antichi “… dire culti antichi… nel mondo egizio … vuole dire quell’insieme di conoscenze fatte risalire alle civiltà “ante-diluvio” … la tradizione rabbinica questo lo sa … e lo cela anche … la vera identià dello stesso Mosè per la tradizione rabbinica è da nascondere all’umanità!
    Per Strabone il nome vero fu Akhenaton marito di Nefertiti … Secondo Mentone (storico egizio) Akhenaton era figlio delle tribù di Levi (come il Mosè biblico 🙂 … Anche secondo Freud (che era ebreo) Mose=Akhenaton … secondo alcuni Mosè fu invece sacerdote di Akhenaton … secondo altri sacerdote del dio thot e si chiamava thotmoses … perse il “thot” quando scappò 🙂
    Anche il famoso suocero di Mosè … Jethro … era unsacerdote della tradizione madianita (Madian appunto) … del dio della montagna (il Sinai) …

    … Insomma un bel casino … no ? 🙂

    Tutta la vicenda di Mosè ha forti richiami con la tradizione egizia … Anche gli Atti degli Apostoli lo dicono 🙂 … le tavole della legge (chissà cosa c’era scritto in quella che Mosè distrusse ? 🙂 ) l’arca dell’alleanza (Piramide di Cheope e la torre/pilastro Zed) … i comandamenti (codice di hammurabi)… etc etc

    Lo studio della Bibbia e del Pentateuco in particolare (che si dice scritto appunto da Mosè 🙂 … tranne il paragrafo della sua morte 🙂 🙂 )è tutta simbolica, ma il simbolo non sempre serve nascondere cose “buone”.

    L’unico Simbolo che a noi deve interessare è il nostro Credo!

    Alla fine, io credo che Dio abbia realmente parlato a Mosè … e lo credo perchè Mose compare assieme ad Elia nella “Trasfigurazione di Gesù” ai Discepoli.

    Ma credo che il senso sia di “riappacificazione” necessaria della legge (Patriarchi/Mosè) e delle profezie (Elia) … con Cristo … non di continuità … non è possibile questo! Cristo è Dio e Dio è prima di ogni cosa … per cui non dichiara continuità con nulla e nessuno :-)!!

    Curtaz ha però ragione … nell’indicare nella figura di Mosè un momento di riflessione sulla propria “rabbia” sulla propria “presupponenza” sulla propria tendenza a farsi “giudici” … solo in Cristo c’è Verità … fuori di Cristo … c’è solo barbarie … anche in Mosè 😉

    Salùt

  32. @Janus
    Sì, Janus, hai pienamente ragione a prendere con le pinze i primi 5 libri del Pentateuco che sono scritti di origine “mista”, quasi un “minestrone” di varie civiltà.

    A prendere tutto alla lettera si rischia davvero di “perdere la tribisonda” e cannare in pieno il “Centro”.
    Verissima la lettura simbolica che rimanda alla nostra vita di oggi, ma è una lettura che deve essere fatta – diciamo – dal monte alto e luminoso della Risurrezione.

    Un monte esattamente nel centro tra A.T. e N.T. (il Vangelo è questo Monte che ha una base ed una cima).
    Anche tutto il Nuovo Testamente se letto senza questo monte può far deragliare (ne ho viste di cavolate di questo genere).

    Ti dirò di più, è da questo monte che ci si rende conto che la mega Parola di Dio nella Bibbia altro non è che la storia di un’umanità che si può benissimo ridurre nella propria storia di conversione. Storia di un popolo=storia di ogni singolo. Spesso non piace (anche a me irrita un po’ Mosè) perchè … ehm 😛 … è esattamente quello che piace poco in noi.

    Siamo noi la continuità, Janus, siamo noi e per volere del Signore stesso con l’Eucarestia che è l’unico Sacramento che viene dato quotidianamente e non una volta per tutte, l’unico Sacramento dove dentro c’è l’Autore stesso dei Sacramenti e che viene donato addirittura prima dello Spirito Santo.
    Se tutto questo è vero, come è vero, è la piena dichiarazione e consegna del mandato di essere continuità dell’amore di Dio che tutto rigenera.

    Grazie Janus, bello e competente questo commento.
    P.S.: … e meno male che stai lavorando, chissà se eri in ferie cosa ti veniva fuori! 😀

  33. @Janus

    Penso che, come hai già avuto modo di dire, la lettura della Parola nel Primo testamento dev’essere illuminata dalla rivelazione di Gesù. L’idea mia è quella di trovare tracce di attualità spirituale anche in personaggi e situazioni così lontani da noi. Rispetto alla storicità e agli eventi, dobbiamo, ovviamente, essere molto prudenti. Ciò non toglie che è Parola che Dio ci dona per capire sé e noi…

  34. Acc … Paolo, che sintesi!
    Io ci ho impiegato una cifra di parole per dire la stessa cosa e tu, bello come il sole, in 4 righe hai sistemato tutto.

  35. Si Paolo … sono d’accordo … come sono d’accordo che anche io non devo esser preso troppo sul serio 🙂
    Poi, dopo il tuo ultimo commento direttamente dalla foresta di Brocéliande … 🙂 non avrei proprio cuore di contraddirti 🙂

    Comunque sia … per la mia biografia la Torah e la Tanach sono state, prima di ogni altra cosa, ambito di studio linguistico-antropologico … per cui mi viene “naturale” il riaffiorare di nozioni e conoscenze oramai sedimentate.

    Tu continua pure a “suscitare” riflessioni con personaggi della Bibbia … io ho dichiarato i miei limiti, cercherò di superarli … raccogliendo lo spunto di riflessione e tralasciando il resto 🙂

    Rimedio anzi subito … con due riflessioni:

    – Mosè ha paura dell’omicidio compiuto! … Perchè ha paura che si sappia? Perchè può perdere privilegi ?? Un Principe, un faraone, un grande sacerdote o qualsiasi cosa fosse ?? Non credo !! Credo che la questione sia l’aver toccato con mano la propria bassezza … il proprio nulla … scappa da se stesso …
    … chi si è trovato sull’orlo di quell’abisso che è la violenza omicida … sa bene della vertigine che si coglie … nel vedersi precipitare verso il fondo del baratro … è un attimo … ma è un attimo fondamentale che può salvarti o dannarti.
    Se poi la violenza è figlia di un pensiero, di un’ideologia, di un fondamentalismo religioso … è necessariamente violenza distruttiva, disumana, estranea all’ordine naturale e come tale è “offesa a Dio”.
    (l’esegesi vede nell’omicidio del guardiano egiziano il rinnegamento della tradizione egizia ed il volgersi al “popolo ebraico” come destinatario dei suddetti elementi sapienzali)

    – L’inizo della vicenda di Mosè … a me più che ai ragazzi che “giocarono” a fare i rivoluzionari tra gli anni 60 e 70 insanguinando le nostre città … ricorda di più l’inizio della vicenda di Buddha … è un parallelo interessante 🙂

    Salùt

  36. @Janus
    wow … parallelismo con Buddha.
    Ho tradotto un intero libro su Buddha, ma quello che mi è rimasto più impresso è il suo decidere dove nascondere la rivelazione della divinità ed ongi scienza affinché l’uomo non lo trovasse per farne un cattivo uso. Così l’ha nascosto nel cuore dell’uomo, l’unico posto dove l’uomo non va a cercare, e non va a cercare soprattutto la verità.
    Duretta come scelta, ma estremamente vera, che per noi, grazie a Gesù diventa l’indicazione e la spinta ad andare a cercare Dio proprio lì … nel proprio cuore e nel cuore degli altri.
    Resta inteso che con la parola “cuore” non si intende l’organo umano, ma l’essenza dell’uomo ovvero il pensiero.

    Ma che meraviglia Janus!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE