Ultimi articoli inseriti San Luca
Ultimi articoli inseriti Pattume
Ultimi articoli inseriti Giona
Ultimi articoli inseriti Bevi e divertiti
Ultimi articoli inseriti Grembo

Fragilità e grandezza

imagesScendo a Milano sotto una pioggia battente: ho un appuntamento di lavoro con il mio editore, anzi,  più precisamente, con la responsabile del settore libri per bambini. A gennaio uscirà il mio primo libro per bambini, illustrato, ma, durante l’incontro, abbiamo in mente un secondo libro, una specie di sequel del primo di cui  vi parlerò più avanti. Torno gasatissimo: mentre guido già penso alla storia del “mio” Jonathan e il suo viaggio in camper… (curiosi, eh?). Ascolto la radio, radiotre, per la precisione, e seguo con attenzione l’intervista con un politologo americano. Purtroppo prendo la trasmissione che è già iniziata e non riesco a memorizzare il nome: so che è appena uscito in Italia la traduzione del suo libro, “Dio & denaro” o qualcosa del genere (Su Internet, ad oggi, non trovo nulla…). Botta e risposta con Cingolani, il conduttore: sono colpito da una riflessione del politologo, il cui senso è che gli americano sono un popolo ottimista, al limite dell’ingenuità: dopo la prima guerra mondiale pensarono che la Società delle Nazioni potesse risolvere i problemi dei conflitti su vasta scala, così come dopo la Seconda, contribuirono in maniera determinante a fondare l’ONU. George W.Bush era intimamente convinto che, dopo l’invasione dell’Iraq, la democrazia si sarebbe diffusa nei paesi del Medio Oriente nel giro di pochi anni… Conclude: il popolo americano pensa che la fine del mondo e il paradiso terrestre siano accessibili, fruibili, immediati. Guido e rifletto: la sensibilità europea, e cattolica in particolare, è più disincantata, ottimista ma consapevole che nell’uomo abita la luce e l’ombra. La configurazione a Dio, la crescita trinitaria in noi avviene attraverso una progressiva spogliazione, senza facili entusiasmi, attraverso la fatica dell’allenamento, cioè dell’ascesi. In questa settimana possiamo fissare lo sguardo sulla meta, la totale comunione in noi e fra di noi, coltivando l’interiorità. Da questa progressiva armonia interiore potremo fondare nuovi rapporti fra le persone, fra i popoli. Dalla radio, ora, arriva la musica: le nubi lasciano posto al sole. Da cartolina.

Category: Pensieri

6 comments

  1. Forse la risposta a questo mito anglo-americano sta nel vangelo di oggi : Voi siete il sale della terra…. voi siete la luce del mondo… non può restare nascosta una città collocata sul monte… il perdersi nella quotidianità dei gesti d’amore che riusciamo a portare per i quali forse nessuno o pochi sapranno… come il sale che da sapore ma non si vede… e la visibilità di una testimonianza gioiosa che aiuta l’uomo d’oggi ad alzare lo sguardo come per una città sul monte.
    don Mauro.

    1. Assolutamente d’accordo: il Regno è già in mezzo a noi a va costruito giorno per giorno, senza grandi mutamenti ma con la conversione del cuore. Per Silvia: :-)!

  2. Grazie di quello che ci doni.
    Quando mi ricordo delle tue parole, dei tuoi messaggi : leggo i tuoi pensieri , i tuoi spunti utili per la riflessione e spesso provo dolore pensando alla mia realtà così distante . Poi penso a chi non può riflettere e amare Dio con il tuo aiuto.

    Riferendomi al politologo americano: come si può pensare che uno stato che con la sua ricchezza e il suo sperpero di risorse ha impoverito milioni di persone e continua ad condannare alla morte per fame interi popoli della terra “sia ingenuo ” ?
    Non è riuscito nemmeno a sconfiggere le dittature comuniste.
    Amico mio prova a riflettere non pensare che i politologi siano persone serie perché chi lancia la guerra in Iraq con tanti morti non può essere altro che l’erede della giustizia del vecchio West quello della giustizia fai da te, oppure un ingenuo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Paolo

Tutte le informazioni le puoi trovare in questa pagina. Se ti servono alcune fotografie per locandine o depliant, le puoi trovare qui
CHIUDI
CLOSE